The Data Journalism Handbook

7038139465 7f4c52e748 o The Data Journalism HandbookData Journalism che?”
Se questa, parafrasando, è stata la vostra reazione nel leggere il titolo del mio articolo, non temete. Non siete da soli.
(Se sapete già di cosa sto parlando, potete tranquillamente prendere il vostro mouse e saltare la parte intermedia fino a che non scorgerete la scritta “il libro” in neretto)
Quando parliamo di “data journalism”, ci riferiamo a un tipo di giornalismo organizzato attorno ai dati. Sì, detto così ammetto che sembra molto banale, ma non lo è. C’è una gran differenza che corre tra un articolo che denuncia l’emergenza dei suicidi in carcere, e un progetto come quello di Jacopo Ottaviani, Patrie Galere, che mappa le morti nelle carceri italiane dal 2002 al 2012, basandosi su un supporto semplice com’è Google Maps.
Cito testualmente il sito del Festival del Giornalismo di Perugia, che con tre panel discussion e cinque workshop quest’anno si è dedicato all’argomento con una vera e propria “Scuola di Data Journalism”: “I giornalisti devono fronteggiare una schiacciante abbondanza di dati. In un periodo di sovraccarico di informazioni, per essere utili alla società i giornalisti hanno bisogno di imparare a separare i segnali dai rumori, in modo da offrire una visione valida. I giornalisti devono equipaggiarsi con la conoscenza degli strumenti, delle tecniche e delle tattiche per lavorare con i dati in modo da ricavarne il massimo valore per i loro lettori”.
Un altro esempio pratico di “giornalismo dei dati” è quello del Datablog del Guardian, gestito da Simon Rogers. In questo caso vale il detto: vedere per credere. Visitate il datablog e entrerete direttamente a contatto con alcuni post davvero molto, molto interessanti.
Certo, direte voi, tutto questo ci piace, ma dell’”Handbook” del titolo non ci parli più?
Eccoci. Il libro.
Il Data Journalism Handbook è un progetto nato durante un workshop al MozFest 2011 a Londra.

Si tratta di un lavoro collettivo, un progetto open source co-creato da decine di personaggi, tra i quali troviamo solo per fare qualche esempio membri dell’Open Knowledge Foundation, giornalisti del Guardian, della BBC, del New York Times e del Financial Times, hackers, ricercatori, rappresentanti di Creative Commons… Vorrei farvi qualche nome ma non saprei davvero chi scegliere in mezzo a questa lista infinita. Vi lascio direttamente il link con l’elenco completo dei contributors: http://datajournalismhandbook.org/1.0/en/front_matter_1.html. Il libro, presentato ufficialmente al Festival del Giornalismo di Perugia, è disponibile in copia cartacea, ma ha anche una versione online gratuita e open source, wiki, a cui è possibile contribuire scrivendo alla mailing list ufficiale. Curato da Jonathan Gray, Liliana Bounegru e Lucy Chambers, è proprio quel che sembra: una guida tascabile e alla portata di tutti che vi toglierà ogni dubbio sul “data journalism”, che vi fornirà consigli utili, strumenti e dritte su come iniziare, cosa fare, dove andare a pescare i dati, come sfruttarli ecc… Le sezioni principali del libro, per intenderci, sono queste: “Front Matter”, “Introduction”, “In the Newsroom”, “Case studies”, “Getting data”, “Understanding data”, “Delivering data”.
Con questo link potrete accedere alla versione online del libro e navigare direttamente tra le pagine virtuali di questa guida per futuri data journalists: http://datajournalismhandbook.org/1.0/en/
Se vi state facendo qualche scrupolo in termini di copyright, non temete. Guardate cosa ci dice proprio il sito ufficiale del libro:
“The Data Journalism Handbook can be freely copied, redistributed and reused under the terms of the Creative Commons Attribution-ShareAlike license. Contributors to the Data Journalism Handbook retain copyright over their respective contributions, and have kindly agreed to release them under the terms of this license”. Siamo stati abbastanza chiari?
Se volete approfondire ancora un po’ la vostra conoscenza su casi ed esempi di data journalism ecco a voi qualche link che potrebbe tornarvi utile.
Il sito di Propublica http://www.propublica.org/
Il Datablog del Guardian http://www.guardian.co.uk/news/datablog
Spaghetti Opendata http://www.spaghettiopendata.org
Su Openspending.org potrete trovare alcuni dati interessanti sulle spese delle nostre amministrazioni locali (regionali): http://openspending.org/it-regional-accounts
La pagina di un corso tutto italiano sull’Open Data Journalism (purtroppo per questa sessione le iscrizioni si sono già chiuse, ma stare all’occhio non nuoce, in attesa di nuovi corsi): http://www.opendatajournalism.it/
Il sito web dell’European Journalism Center: http://www.ejc.net/
Il sito dell’Open Knowledge Foundation http://okfn.org/
Il datablog della Fondazione Ahref, gestito da Guido Romeo http://datablog.ahref.eu/hello-data
Vi invitiamo a contattarci via mail per qualche informazione in più riguardo al libro.
  • LoSgamato @ Festival del Giornalismo di Perugia 2012 – #ijf12
    C'è un'occasione davvero unica nel panorama italiano del mondo dei festival. Si tratta del Festival del Giornalismo di Perugia, che quest'anno ha avuto inizio il 25 aprile e terminerà domani. Il grand...
  • Chi era Aaron Swartz?
    Negli ultimi tempi si è tanto sentito parlare di questo 26enne che si è tolto la vita e che era esponente importante del movimento Open Access, che aveva contribuito all'invenzione del feed RSS e ...
  • Guido Romeo, Wired @ Festival del Giornalismo – Intervista
    Come vi ho ampiamente raccontato ieri sera in quest'articolo, siamo appena tornati dal Festival del Giornalismo di Perugia, un'occasione unica che ci ha permesso di entrare in contatto con personaggi ...
Di Miriam Goi (04 May 2012)
  • Andrea

    Ma ho saputo che c’è già chi si sta occupando di tradurlo in Italiano già da qualche mese. Non si sa nulla?

    • http://www.losgamato.it/ Mimma

      Ciao Andrea
      grazie della segnalazione. Ci informeremo e nel caso faremo un aggiornamento, anche all’articolo ;)
      A presto!

Leggi »
  • Archivio

  • Tags

  • Questo Mese

  • Meta