I panni sporchi si lavano in… Pubblico!

“Io non esco mai sul pianerottolo. Non ho voglia di incontrare chissà chi. Tutta gente che corre a rintanarsi in casa.” Così Raymond Dufayel, “l’uomo di vetro” che riscatta la protagonista del “Favoloso mondo di Amelie”, riassume in una sola frase un aspetto della mentalità italiana degli ultimi 40 anni. Eppure se fosse stata una storia d’amore sarebbe iniziata con un caffè, un libro e una lavatrice. Questo è la scenografia del nostro articolo… Quante commedie americane abbiamo visto ed interiorizzato nella nostra infanzia mentre i loro protagonisti si muovevano, almeno per una scena, sul fondale di una lavanderia di quartiere o condominiale nell’attesa che il proprio bucato fosse asciutto? E proprio nel momento dell’uscita di scena abbiamo aspettato la promessa di un successivo incontro tra i due protagonisti.

lavanderia I panni sporchi si lavano in… Pubblico!
Se la piazza è il luogo comune con il quale ci descrivono gli stranieri, perché allora in Italia stiamo perdendo sempre più la nostra tradizione di socializzazione in posti condivisi?
Circa un mese fa infatti, in un articolo del Corriere, l’architetto Benini riassumeva questo concetto parlando delle case di ringhiera meneghine: “La ringhiera era uno spazio comune, oggi è poco più che un balcone. La casa di ringhiera oggi identifica uno status, ma è il quartiere che conta. Quelle case sono spesso piccole, un locale in fila all’ altro. Nella camera da letto dormiva un’ intera famiglia, il bagno era sul ballatoio. Oggi chi sceglie di abitare in una casa di ringhiera, seppure rimessa a nuovo, sceglie la zona: punta ai Navigli o al centro, in via Francesco Sforza e in via Molino delle Armi. Ma quelle case sono ormai solo esteriormente di ringhiera. In periferia queste case sono abitate da extracomunitari, scelte perché costano poco …”
Un altro luogo rappresentativo dei luoghi comuni della nostra città era il vicolo delle lavandaie lungo il Naviglio Grande, dove ancora oggi è possibile ammirare l’antico lavatoio nel quale le massaie milanesi venivano a lavare a mano il loro bucato. Ovviamente oggi la tettoia che conteneva le chiacchere delle mondine è stata trasformata nel riparo per i clienti del ristorante lì accanto “El Brellin”.

173051 1702379572820 1637881277 1546291 988149 o 300x224 I panni sporchi si lavano in… Pubblico!
Quando ero piccolo i miei mi portarono per più anni a trascorrere le vacanze estive da amici a Monaco di Baviera. Se c’è una cosa che ricordo, oltre ai brezel e a i castelli da favola del re Ludwig II, sono le lavanderie condominiali. Il sistema “Apartment House Laundry” (AHL), ovvero la lavanderia residenziale, sviluppata nei Paesi del nord Europa (Norvegia, Svezia, Danimarca) e poi in Germania, Svizzera e USA, sta ad indicare una mentalità associata al desiderio di ritrovare una certa solidarietà nell’ambito dell’abitare.
Ma come! Il mondo si è cappottato, mica si diceva” più vai a Nord e più la gente diventa fredda?”
L’AHL presuppone la condivisione di apparecchiature professionali di lavaggio e asciugatura fra utenti di uno stesso gruppo di appartamenti ed i concetti chiave alla base di questo servizio sono semplicissimi: risparmio economico, risparmio energetico, maggiore disponibilità di spazio all’interno delle abitazioni ed infine più opportunità di socializzazione. Mentre cresce all’estero, soprattutto in Germania e nei paesi Scandinavi, il numero di architetti e urbanisti che rispondono alle esigenze di eco sostenibilità.
Al di sopra dei dieci appartamenti in su, i vantaggi della lavanderia condominiale sono il ritorno dell’investimento, la riduzione dei consumi di energia elettrica, acqua e detersivi in un solo spazio definito laddove la metratura minima vitale si sta riducendo sensibilmente per soddisfare la crescente espansione immobiliare.
44474 425765514010 589159010 4901738 6161772 n 300x200 I panni sporchi si lavano in… Pubblico!Ovviamente questo concetto si sta estendendo a più ambiti della struttura condominiale. Mentre oggi in Italia continuiamo la tradizione ereditata dagli anni ‘70 degli edifici in linea o a torre isolati e le aggregazioni di palazzine, all’estero stanno riscoprendo gli edifici a corte centrale o a U. Questi tipi di palazzi permettono di non disperdere il complesso immobiliare creando una comunità residenziale per isolato secondo il concetto di cohousing (appartamenti con zone di servizi comune), parco giochi per bambini, verde e zona barbecue, e per le zone residenziali anche orti.

Forse ad alcuni di voi suonerà un po’ socialista. Allora ecco risolto il problema, già oggi a Copenaghen e Berlino, città che da anni si impegnano nella loro riqualifica urbanistica con l’obbiettivo di una maggiore efficienza energetica ecosostenibile, sono state create caffetterie affiancate a lavanderie.

lavanderia caffetteria 300x199 I panni sporchi si lavano in… Pubblico!

Questi luoghi mettono a disposizione dei loro clienti, oltre agli alimenti, uno spazio lettura con tanto di libreria dove far scorrere i vostri polpastrelli lungo il dorso dei libri in fila sullo scaffale.
Ora in Italia stanno nascendo in sordina paesini o piccoli quartieri (enclaves) nelle immediate vicinanze di Milano e Torino, promossi da associazioni culturali e non come CoAbitare e cohousing.it. Dal 2007 Elettrolux – la società svedese di elettrodomestici (fatturato 2011: 10,3 miliardi di euro) è stata la prima azienda che nel nostro paese ha spinto per l’introduzione di questo nuovo stile di vita che secondo alcuni è la soluzione alla crisi in quanto permette al mercato di stare in piedi benissimo senza una lavatrice per domicilio. (vedi comunicato stampa http://www.architecture.it/it/eventi/allegati/comunicato-stampa-ahl.pdf)
Ora, in conclusione, la mia domanda è: ma il rispetto per la proprietà pubblica è frutto della condivisione o è la condivisione ad essere frutto del rispetto della proprietà pubblica?

di Mauro Casagrande

http://archiviostorico.corriere.it/2010/dicembre/22/Ballatoio_spazio_sociale_Oggi_solo_co_7_101222038.shtml

Lavanderia a Copenhagen http://www.thelaundromatcafe.com/

Lavanderie a Berlino http://berlin.efors.eu/it/Lavanderie/

Cohousing: http://www.cohousing.org/ , http://it.wikipedia.org/wiki/Cohousinghttp://cohousing.it/content/view/4/3/

Progetti e info su Lombardia http://www.infonodo.org/node/16034

Di (17 February 2011)
Leggi »
  • Archivio

  • Tags

  • Questo Mese

    February 2011
    M T W T F S S
    « Jan   Mar »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  
  • Meta