Quando il pulp sale in cattedra

Lansdale2 Quando il pulp sale in cattedra“Io consiglierei a un analfabeta di imparare a leggere

solo per poter conoscere Lansdale”

N. Ammaniti

Le constatazioni tra scrittori sfiorano spesso l’esagerazione, sia in senso negativo che positivo: nel caso l’opinione sia nera gli insulti sono aulicamente offensivi, in caso contrario elegantemente leccati.

Il nostro (per dato di conterraneità e non affettività) Ammaniti, però, non lancia solo boccioli profumati a Lansdale, ma ne formula una critica costruttiva dandogli il primato di essere una sorta di suo ispiratore.

Se J.R.L. è riuscito a stuzzicare uno scrittore che ha acquisito un minimo di spessore in Italia, qualcosa di particolare lo avrà.

Questo qualcosa è rintracciabile nel “Ciclo del Drive-in” che i più additano come il vertice creativo di Lansdale.

Si consideri La Notte del Drive-in.

In quanto a fantasia non c’è nulla da ridire ma, come spesso accade nei grandi, il significato non galleggia.

Nel suo stile horror, fantascientifico, splatter, hot boiled e chi-più-ne-ha-ne-metta racconta di un drive-in, di una notte, una sola?

Immaginatevi il Drive-in più grande del mondo che offre una crociera di film horror di serie B dove il sangue è ketchup e in cui si vede la cerniera dei costumi dei mostri; immaginatevi un ragazzo non tanto grande che crede nel fatalismo e nell’astrologia; immaginatevi un chiosco che vende pop-corn e coca cola.

Ora immaginatevi una stella cometa, enorme, rossa, che sorvolando le macchine parcheggiate sorride, un sorriso da motosega, e improvvisamente tutto cambia: esiste solo il Drive-in e i suoi confini, chi tenta di sorpassarne il perimetro finisce dolorosamente in poltiglia e il tempo è scandagliato dalla proiezione dei film che sono, inoltre, l’unica fonte di luce.

Al chiaro dei lampioni-a-pellicola gli spettatori sono obbligati a cibarsi di pop-corn e coca cola, dieta che li porterà ad aver bisogno di carne e quindi al conseguente cannibalismo, condannati alla perdita della cognizione del tempo e dei valori e presto saranno governati dal famelico e dispotico Re dei Pop-Corn.

Il Drive-in diventa, quindi, un b-movie.

Lo si può leggere in questo modo, e trovarsi ugualmente soddisfatti della sua abilità scrittoria che rende scorrevole ogni splatterissima e talvolta non-sense situazione, tanto agile da sembrare raccontata a voce o ricordare determinati passaggi come visti su uno schermo, in caso contrario si può scavalcare il muro dell’ironia narrativa e trovare quelle che possono essere definite riflessioni.

Il pensiero vaga dall’ossessiva questione alimentare -una sorta di sei quello che mangi, nel Drive-in si ingurgita pattume e l’uomo diventa tale- alla questione della bestialità umana, quanto l’essere umano possa impazzire chiuso in coordinate che non gli appartengono, senza più riferimenti temporali, trovandosi a girovagare in uno spazio chiuso senza alcuna via d’uscita.

Si può trovare una spiegazione senza mezzi termini su cosa sia la dittatura e come sia un despota, quale sia la psicologia che ammalia e le conseguenti reazioni dei “liberi schiavi”, attraverso la descrizione dell’opera del Re del Pop-corn e della sua dolceamara voce.

Tra le metafore,inoltre, si incontra una forte condanna al consumismo e alla globalizzazione forzata portata avanti da grandi nomi come Burger King e compagni.

-“E alla fine il pianeta terra vince e tutti imparano a vivere assieme, e a Mosca si apre qualche Mc. Donald’s e una filiale di Disneyland”-

Ora immaginatevi una cometa rossa, sì quella di prima, che rotola sulle teste massacrate degli ultimi sopravvissuti, sorride, un sorriso tagliente, e il Drive-in ritorna a terra.

Appena uscito, il nostro protagonista, con l’intento di tornare a casa, si rende conto di non potere: un dinosauro gli ha appena tagliato la strada.

La Terra non è quella che ci si aspettava.

E così inizia la seconda parte del ciclo, con sangue e pensieri.

  • Un libro e basta: “La coscienza di Zeno”
    Nell'articolo di oggi, vorrei affrontare con voi la discussione di un grande classico, ovvero “La coscienza di Zeno”. Di questo libro e del nostro Italo Svevo hanno già parlato tutti in lungo e...
  • CINQUANTA SFUMATURE DI MERDA: “SHARK 3D”, LA RECENSIONE
    Bentrovati, cari sgamati, dal vosto Gigi Proiettile! Sapete, oramai è un po' che io scrivo, voi leggete e insieme ci facciamo grasse risate, eppure io ancora so così poco di voi! Quali sono i vostri ...
  • “La mia Australia” di Sally Morgan
    Pensare all’Australia significa pensare alle spiagge, all’oceano, alla splendida natura; forse solo alla fine si dedica anche un pensiero a chi in Australia ci viveva ben prima che arrivassero le colo...
Di Maddalena Oriani (27 September 2010)
Leggi »
  • Archivio

  • Tags

  • Questo Mese

    September 2010
    M T W T F S S
        Oct »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
  • Meta